Polpette miste con broccoli al vino

IMG_5545Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di carne tritata di manzo, maiale, pollo
  • 2 uova
  • 2 patate lesse schiacciate + 3 per le crocchette
  • pangrattato di mais
  • 1 Kg di bieta
  • 200 g di farine : di saraceno tostata e di riso
  • rosmarino, salvia, aglio
  • sale
  • un paio di broccoli romaneschi
  • olio di oliva o di arachide per friggere
  • vino bianco

Polpettine di carne mista

Lessare e far freddare le patate. Schiacciarle, unire l’uovo e la carne, salare leggermente. Farne polpettine con le mani bagnate, passarle nel pangrattato e friggere.

Polpette piatte di bieta

Lessare la bieta, scolarla bene, poi tagliarla finemente con il coltello. Aggiungere uno spicchio d’aglio schiacciato, sale, la farina di saraceno tostata, poi quella di riso. Si mescola tutto in una ciotola e si lascia riposare almeno un’ora. Col cucchiaio si ricavano delle polpettine , che si schiacciano leggermente tra le mani. Cuocere in padella o in forno.

Crocchette di patate

Lessare le patate, schiacciarle con la forchetta, aggiungere l’uovo, il sale e un trito di salvia e rosmarino. Dare la forma, passare le crocchette nel pangrattato e friggere.

Broccoli romaneschi al vino
Separare le cimette e cuocerle scoperte in un tegame con olio, aglio vestito, sale, peperoncino. A metà cottura bagnare con vino bianco.

Sistemare nel piatto di portata i broccoli intorno ai diversi tipi di polpette.

Crostata con la cotognata

IMG_6882Ingredienti

  • 150 g di farina di riso
  • 150 g di fecola di patate
  • 130 g di zucchero di canna
  • 100 g di margarina di soia
  • 1 uovo intero + 2 rossi
  • confettura di cotogne
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato
  • sale, un pizzico

Si mischiano farina e fecola e si fa la fontana.
Si lavora la margarina (ammorbidita a temperatura ambiente) con lo zucchero, fino ad ottenere una crema. Si aggiunge un pizzico di sale, il bicarbonato e le uova, una alla volta.
Si incorpora la crema ottenuta alle farine lavorando con le mani e si forma una palla. Far riposare 5 minuti.
Ungere una teglia con la margarina. Spianare la palla ( tranne una piccola parte che servirà per le striscioline) direttamente sulla teglia formando anche un bordo con le mani.

Distribuire bene la cotognata ( se avete quella a pasta dura, fatela prima ammorbidire con un po’ d’acqua) o la gelatina di cotogne, completare con le striscioline disposte a vostro gusto.

Spennellare il bordo e la superficie della crostata con un uovo sbattuto, subito dopo spolverare con zucchero di canna.
Infornare a 170° per 20 minuti circa, fino a doratura.

Ricette con l’uva

Ancora arte e ricette!uva vaniglia e zucchero 001

Il gioioso acquerello di Anna Maria Tani apre lo sguardo sulle dolci uve ottobrine…

Ecco quindi tre ricette con l’uva :
una confettura squisita ( da spalmare su fette biscottate senza glutine o sfoglie di saraceno, o cialde di riso…), un dessert a base di frutta e parmigiano, e una crostata.

 

Confettura di uva fragola, di Claudia
Cestini di parmigiano con uva, pere e noci, di Maria Vittoria
Crostata con l’uva, di Loredana

 

Anna Maria Tani
Artista romana, inizia il suo percorso nei laboratori artigianali di Pesaro e Urbino, dove approfondisce la passione per il restauro ligneo e supporti metallici. A Roma, dove vive e ha il suo studio, incontra l’arte incisoria nell’Atelier 50, ed entra a far parte dell’Associazione Internazionale Incisori. Porta avanti insieme alla calcografia anche la pittura segnica e materica. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private. In permanenza a Roma, Berlino, Venezia.

e-mail tani.anna.maria@gmail.com
Anna Maria Tani: http://www.facebook Anna Maria Tani -Pittore/Incisore
Anna Maria Tani – Google+

Crostini, crespelle, galettes e altre preparazioni con farine senza glutine

Crostata con l’uva

dalla cucina di Loredana…

 


uva vaniglia e zucchero 001

Ingredienti

  • 200 g di farina di riso
  • 200 g di fecola di patate
  • 130 g di zucchero
  • 125 g di margarina vegetale biologica
  • 2 uova intere + un rosso
  • qualche cucchiaio di confettura di uva
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato
  • sale

Si mischiano le due farine e si fa la fontana.
Si lavora la margarina, precedentemente ammorbidita a temperatura ambiente, con lo zucchero, fino ad ottenere una crema, a cui si aggiunge un pizzico di sale, il bicarbonato e le uova, una alla volta. Si incorpora la crema alla farina lavorando con le mani e si forma una palla. Far riposare 5 minuti.

Ungere una teglia con la margarina. Spianare la palla con le mani formando un disco (conservare una piccola quantità di pasta per le striscioline).
Sistemare il disco di pasta sulla teglia, distribuire bene la confettura d’uva, completare con le striscioline di pasta messe a raggiera o a griglia.
Spennellare il bordo e la superficie della crostata con un uovo battuto, subito dopo spolverare con zucchero di canna.
Infornare a 180° per 20 minuti circa.

Uva, fiori di vaniglia, barbabietola da zucchero, acquerello di Anna Maria Tani

Giugno nei prati

Un menu dalla cucina di Loredana

nei pratiA giugno, come ci ricorda Loredana, si possono trovare nei prati le lumache, che per gli appassionati sono un piatto eccellente.

Potete servirle con semplici patate al prezzemolo e una ricca insalata di erbette di campo, facendole precedere da un crostino di mais.
Per chiudere, una bella crostata di frutta.

Crostino di mais

Lumache di prato con patate al prezzemolo

Misticanza

Crostata di pesche

Lumache di prato

 dalla cucina di Loredana…


 prati nel vicentino a maggioIngredienti

  • lumache
  • aglio, peperoncino
  • mentuccia
  • olio d’oliva e.v.

per la preparazione:

  • insalata
  • farina di mais
  • aceto e sale

Preparazione
Le lumache di prato vanno messe a “spurgare” per una settimana in uno scolapasta (devono avere l’aria) ma coperte, sennò se ne vanno in giro!
Devono mangiare insalata a pezzettini e, per tre volte, due cucchiai di farina gialla: in questo modo eliminano quello che avevano precedentemente mangiato. Poi vanno lavate finché il guscio non è perfettamente pulito.
Mettere quindi in un catino aceto e sale e immergervi le lumache, che vanno mosse tra le mani. Lasciarle nel liquido una decina di minuti, finché non elimineranno la “bavetta”.

 Cottura
Buttare le lumache in acqua bollente : aspettare una ventina di minuti finché escono, poi alzare la fiamma e lessarle a fuoco vivo per circa un’ora, schiumando di tanto in tanto. Insaporirle quindi in un sughetto di aglio, olio, peperoncino e mentuccia per un’altra ora e mezza.

 Potete servirle con un piatto di patate lessate, condite con olio, sale e prezzemolo.

Misticanza (o insalata di erbette di campo)

  dalla cucina di Loredana…


Misticanza

IMG_6448Se avete voglia di andare per prati nella campagna romana, dovreste raccogliere, secondo tradizione : lattughetta, valerianella, rughetta, crescione, pimpinella, cicoria selvatica, finocchio selvatico, erbanoce, caccia lepre, cresta di gallo, porcellana, tarassaco, erba stella, porcacchia, raperonzoli, crespigni, papala, barba di frate, cerfoglio, orecchio d’asino…

Oppure andate ai mercati rionali, dove si trovano alcuni fruttivendoli che le raccolgono. (Certo non potrete trovarle tutte, ma va bene lo stesso!)

La misticanza va condita semplicemente con olio, sale e aceto.

(La foto riproduce un particolare a pag.51 di “Le erbe”, di Ann Bonar, Edizioni La Specola, 1990)

Crostata di pesche

 dalla cucina di Loredana…


IMG_4735
Ingredienti

  • 200 gr farina di riso
  • 200 gr fecola di patate
  •  130 gr zucchero
  • 125 gr margarina vegetale biologica
  • 2 uova intere + un rosso
  • confettura di pesche
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato
  • sale

Si mischiano le due farine e si fa la fontana.
Si lavora la margarina, precedentemente ammorbidita a temperatura ambiente, con lo zucchero, fino ad ottenere una crema, a cui si aggiunge un pizzico di sale, il bicarbonato e le uova, una alla volta. Si incorpora la crema alla farina lavorando con le mani e si forma una palla. Far riposare 5 minuti.
Ungere una teglia con la margarina. Spianare la palla con le mani formando un disco (conservare una piccola quantità di pasta per le striscioline).
Sistemare il disco di pasta sulla teglia, distribuire bene la confettura di pesche, completare con le striscioline di pasta messe a raggiera o a griglia.
Spennellare il bordo e la superficie della crostata con un uovo battuto, subito dopo spolverare con zucchero di canna.
Infornare a 180° per 20 minuti circa.