Polenta con stufato al vino

dalle ricette degli amici…

 IMG_4440

Polenta con stufato al vino

A Nella piace mischiare i vari tipi di farina per la polenta. In questa sua ricetta la polenta giallo-scura accompagna un sugosissimo stufato di manzo.

Ingredienti per 6 persone

Per la polenta :
• 300 gr di farina di mais bramata
• 100 gr di farina di mais fioretto
• 100 gr di farina di grano saraceno
• sale, olio

Mescolate le farine e procedete a cuocere la polenta. ( Nella aggiunge due cucchiai d’olio prima che l’acqua arrivi all’ebollizione).

Per lo stufato :
• 800 gr di scamone di manzo a pezzettini
• 3 carote
• 3 gambi di sedano
• 3 cipolle di media grandezza
• uno spicchio d’aglio ( facoltativo)
• un litro di vino rosso corposo ( barolo/chianti…)
• sale, pepe in grani, bacche di ginepro, chiodi di garofano, cannella in stecca ( a piacere)
• salvia, alloro
• olio d’oliva e.v.

Lavate le verdure, tagliatele a pezzi grossi e mettetele in un tegame di coccio insieme alla carne, agli odori, alle spezie (sulla quantità regolatevi secondo il vostro gusto), e al sale. Ricoprite per bene con il vino e lasciate marinare una notte ( 12 ore circa). Fate cuocere a fuoco lento per circa 3 ore. A cottura ultimata passate tutto il sugo al passa pomodoro, quindi rimettetelo nel tegame per qualche minuto, controllandone la densità.

Variante : dopo la marinatura eliminate il vino ; rosolate la carne nel tegame con un po’ d’olio, quindi aggiungete dell’altro vino e le verdure scolate dalla marinatura. Procedete poi come sopra.

In ogni caso, servire con la polenta calda!

La polenta

Polenta taragna e …

 dalla cucina di Paola…


…trota salmonata con panure aromatica


Ingredienti per 4 persone

Per la polenta:
• 280 gr di farina di mais
• 120 gr di farina di grano saraceno
• sale, olio
Per le trote
• 4 filetti di trota salmonata
• una manciata di fiocchi di mais
• mandorle, pistacchi, pinoli a piacere
• qualche foglia di salvia
• sale, olio

Mescolare le due farine ( in questo caso la proporzione è 70 % mais, 30 % saraceno) e cuocere la polenta taragna come una comune polenta. Quando è pronta, versarla su una superficie piana in uno strato omogeneo. Appena si sarà un po’ intiepidita ricavarne dei dischi di media grandezza con uno stampino dentellato. Tenere in caldo.
Tritare nel mixer i fiocchi, i semi e la salvia e spargere la panure sui filetti di trota, leggermente salati e oliati. Infornare su carta da forno a 180°per 15-20 minuti.

Servire i filetti di trota in piatti individuali, accanto ai dischi di polenta taragna.

La polenta

Polenta vegetariana, e non solo

 dalla cucina di Maria Vittoria… 


 Polenta al sugo finto

 In Toscana, quello che altrove si chiama ragù viene detto sugo di carne. La sua versione povera, senza carne, si chiama sugo finto. Si prepara infatti con un battuto di carota, cipolla, sedano e prezzemolo (anche i gambi), che simula la carne macinata.
Ecco quindi un condimento ottimo per una polenta vegetariana.

 

Ingredienti per 4-6 persone
• una cipolla, un paio di carote, una costa di sedano, un ciuffo di prezzemolo
• 2 barattoli di pelati
• olio d’oliva e.v.
• sale
• 500 gr di farina di mais bramata
• 300 gr di lenticchie
• aglio, salvia

Dopo aver stufato il battuto con olio d’oliva e un po’ d’acqua, si mettono i pelati di pomodoro e si cuoce dolcemente fino a ottenere un sugo denso e abbondante.
Preparate la polenta come il solito, tenendola piuttosto morbida ( guardate nel Laboratorio di cucina), e quando è pronta versatene uno strato in una pirofila, coprite con uno strato di sugo, ancora polenta, sugo, polenta. Mettete in forno per una ventina di minuti.
Intanto avrete messo al fuoco le lenticchie in acqua fredda in una pentola di coccio, con uno spicchio d’aglio e un paio di foglie di salvia. Calcolate 40’ circa ( dipende dalle diverse qualità, leggete i tempi sulla confezione) dall’inizio della bollitura, quindi mettete il sale. Condite con olio d’oliva.

Se avete una bella tavolata di ospiti di tutti i tipi, potete presentarla come piatto base per i vegetariani, accompagnata da formaggi freschi per chi li ama e li può mangiare, e da luganega arrostita per chi mangia volentieri la carne.

La polenta