Choucroute de la mer

 dalle ricette degli amici…

Cugina della più nota choucroute garnie alsaziana (crauti e salsiccia), in Bretagna si trasforma nella sua versione marinara.

L’abbinamento crauti-pesce può sembrare a prima vista azzardato, invece funziona a meraviglia, specialmente col sapore forte del pesce affumicato e con la dolcezza dei crostacei.

Ingredienti:

  • 2 vasi di crauti pronti
  • 1 bel filetto di merluzzo
  • 1 altro pesce saporito (salmone, triglie, gallinelle, spada, sgombro… a piacere!)
  • 1 pezzo di haddock affumicato (indispensabile nella ricetta originale, difficile da trovare in Italia… tenterei una sostituzione col baccalà bagnato)
  • un paio di scampi o gamberoni a persona
  • patatine novelle
  • erba cipollina

Lessare le patate in acqua salata. Sciacquare i crauti e scaldarli in una pentola capiente.

Nel frattempo cuocere ogni pesce in padella con un filo d’olio, rispettando i diversi tempi di cottura di ciascuno. L’haddock va prima bagnato in acqua calda per 10 minuti, i crostacei giusto scottati.

Quando tutto è pronto comporre il piatto mettendo al centro una montagnola di crauti, adagiandovi sopra un pezzo di ogni pesce e gli scampi, contornando con le patatine sbucciate e cospargendo il tutto con erba cipollina tritata.

 I francesi richiederebbero una salsina al burro per “arrotondare” il tutto ma noi ce la possiamo cavare egregiamente con un filo di olio evo e a piacere qualche goccia di limone.

Insalata di fagioli bianchi, sedano e aringa

dalla cucina di Maria Vittoria… 

 


IMG_4514

Ingredienti per 4 persone

  • fagioli bianchi
  • 4 filetti di aringa sott’olio
  • un gambo di sedano
  • olio, sale, pepe

L’ideale è usare fagioli bianchi secchi, scegliendo la varietà che preferite. Io ho provato anche con fagioli Corona in vasetto, niente male. Ne ho usato un vasetto, sciacquati accuratamente sotto acqua corrente.

Si taglia il sedano a rondelle sottili, dopo averlo privato dei filamenti, si scolano le aringhe dall’olio di conservazione e si tagliano a rettangoli non piccolissimi. Poi si uniscono sedano, fagioli e aringa in una ciotola, si condisce con olio extravergine, poco sale alle erbe, pepe e si mescola delicatamente.

Servire dopo un po’. Se preferite, potete preparare delle ciotole individuali.

(Per questa ricetta mi sono ispirata ad un antipasto del Ristorante Sora Maria e Arcangelo, ad Olevano Romano)